lunedì 17 novembre 2008

Enrico Rastelli

Sono un appassionato di arti circensi da molto tempo e da quasi una decina di anni mi diletto con la giocoleria (tempo permettendo) con discreti risultati; chi sa magari un giorno vi faccio vedere qualche mio video mentro giocolo con 5/6 palline. 

Ho sempre qualche difficoltà nell'accettare che in Italia un giocoliere che si esibisce per strada è considerato uno straccione che chiede l'elemosina mentre in qualunque altra piazza ad esempio europea questi straccioni hanno un pubblico numeroso e vengono molto apprezzati.

Alle spalle degli spettacoli di 15/20 minuti ci sono 4/6 ore al giorno di svariati anni di allenamento; i migliori riescono ad avere retribuita nelle piazze migliori la loro dedizione e l'instancabile impegno anche con 150/200 euro per spettacolo. 

Da italiano mi fa piacere ricordare che quello che è forse considerato il più grande giocoliere di tutti i tempi fu appunto un Italiano: Enrico Rastelli (wikipedia in italiano, wikipedia in inglese); dispiace che proprio qui in Italia non lo conosca praticamente nessuno. 



Per chi avesse voglia di continuare ad approfondire, qui trova qualche altro video.

La prossima volta che per strada incontrate un giocoliere che si esibisce cercate di andare oltre i soliti preconcetti e provate a capire se è effettivamente una persona che non ha altro da fare o un'artista che si sta esibendo.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Mamma mia che spettacolo entusiasmante!

Complimenti per il video pubblicato.

Artoc ha detto...

Voglio parteciparvi che l'altro giorno (forse giovedì 20) al semaforo Mattarella - Notarbartolo ho assistito, estasiato e stupito, ad un mini spettacolo di giocoleria che una coppia ragazzo/a di 25-30 anni, hanno messo a disposizione praticamente delle prime 2 auto ferme al rosso.

Facevano roteare 3 (o 4 ?) palline, sostituendosi (passando dietro) uno all'altra e contemporaneamente si "rubavano" il cappellino mettendolo sulla propria testa.

Niente di chè, per carità, ma la loro naturalezza e la rara esibizione (per la location) mi hanno divertito e (ebbene si) quasi commosso.

Dopo i 3 minuti circa sono risaliti sul marciapiedi, senza chiedere nulla e in fondo senza dare il tempo a nessuno di offrire qualcosa.

Marco ha detto...

Grazie per avere condiviso l'episodio e soprattutto l'emozione.

Anni di allenamento hanno in genere l'obiettivo proprio di riuscire ad emozionare.