mercoledì 27 giugno 2007

Iphone

Aggiornamento 6 Luglio 2007: nuovo post Iphone - 7 giorni dopo

Ebbene si, anche io sono caduto nella trappola ben architettata da Apple che magistralmente negli ultimi anni riesce a convogliare l'interesse mondiale dei mass media sul lancio dei propri prodotti. Siano essi nuovi o più comunemente nuove versioni di modelli già esistenti (vedi le decine di versioni di Ipod uscite negli ultimi anni) tutti fanno a gara per averne uno; così dedico questo post al loro ultimo prodotto: Iphone.

L'azienda capitanata dal geniale Steve Jobs si è posta l'obiettivo di entrare nel mercato della telefonia mobile e conquistarne un "misero" 1% entro la fine del 2008; stiamo quindi parlando di circa 10.000.000 di pezzi (per chi non lo avvesse dato per scontato l'Iphone viene prodotto in Cina) in 18 mesi (ebbene si! Si stima che nel 2007 saranno venduti ben 1.000.000.000 di telefoni cellulari).

Potete trovare in giro numerosissime (Wall Street Journal in Inglese) recensioni (New York Times in Inglese) dei fortunati che lo hanno ricevuto prima del lancio ufficiale programmato per Venerdì 29 Giugno 2007.

Non dedicherò tempo ad elencare le specifiche tecniche del tanto osannato Iphone ma ritengo invece utile andare in controtendenza e sottilineare alcuni dei suoi (in certi casi grandi) limiti:
  • Nell'era del 3G Apple ha scelto di realizzare un prodotto non di terza generazione e quindi non in grado di utilizzare le reti UMTS;
  • La batteria è integrata nel cellulare e non è possibile sostituirla senza dovere inviare l'Iphone al centro assistenza Apple(!);
  • Non è presente il ricevitore GPS;
  • Non è possibile espandere la memoria attraverso l'utilizzo di qualsivoglia scheda flash (SD, MMC, etc..);
Inoltre esistono delle limitazioni rispetto a funzioni ormai disponibili in parecchi cellulari di ultima generazione:
  • Non è possibile effetuare riprese video;
  • Non è possibile inviare MMS;
  • Non è possibile utilizzare file audio come suoneria;
  • Non è fornito di giochi;
Detto questo vi comunico che per adesso sarà possibile acquistarlo soltato negli Stati Uniti d'America alla modica cifra di $499 o $599 (rispettivamente la versione da 4GB e da 8GB) ed inoltre l'acquisto del prodotto sarà legato obbligatoriamente ad un contratto biennale con la AT&T (l'azienda ha dovuto integrare il proprio organico assumento circa 2.000 risorse). L'arrivo in Europa è previsto, secondo la maggior parte delle fonti, per la fine del 2007 e la conversione del prezzo non rispetterà (come al solito) la quotazione euro/dollaro, l'Iphone sarà infatti venduto a €499 e €599.

Nonostante tutto, non rischio molto scrivendo che sono pronto a scommettere che l'Iphone andrà a ruba; magari i pezzi a disposizione (i bene informati parlano di circa 3.000.000) andranno venduti il giorno stesso del lancio e naturalmente gli investitori vedranno le quotazioni di Apple beneficiarne.

Grafico quotazione Apple ultimi 12 mesi

8 commenti:

Tommaso Poggiali ha detto...

Sì, come detto più volte.. è un prodotto per fighetti :)
C'è di meglio a giro, solo che Apple fa figo. Come quando entrò nel mercato dei lettori multimediali! A giro c'era di meglio e di meno caro... ma Apple ha sfruttato il fattore "fashion" per imporsi. Andrà così anche per l'iPhone, poi vedrai quanti aggiornamenti/nuove versioni faranno. Ovvio: è tutto costruito da schiavi cinesi! (vedi iPod, MacBook etc)

Francesco ha detto...

La memoria non è espandibile... peccato che ne abbia minimo 4GB, che per uno smartphone fuso con un player audio mi pare già una buona quantità.

Non permette di inviare MMS e fare video: quanti MMS inviate mediamente in un mese? E se non fa video adesso non è detto che non li farà in futuro quando e se Apple lo deciderà.

Non è fornito di giochi: è un cellulare o una PSP?

Non è possibile usare file audio come suoneria... una tragedia proprio, considerando che la maggior parte dei clienti Nokia gira ancora con la suoneria fissa su "The Nokia Tune"... casomai qui chi deve preoccuparsi sono i vari DadaMobile & co.

Non è 3G... ma è un modello per gli USA, dove il 3G ancora non ha preso molto piede.

La batteria non è sostituibile: credo che l'ultimo cell che ho visto usare con più batterie fosse un Nokia 1611 di metà anni 90. O forse alcuni Samsung recenti che per essere ultrasottili hanno un'autonomia pessima. Una batteria moderna vive senza troppi problemi almeno due o tre anni, ma anche di più.

Apriti cielo!!! NON E' PRESENTE IL GPS: feature irrinunciabile per qualsiasi cellulare!!! Io direi che se il ricevitore GPS deve essere orrido come quello montato sull'N95 è meglio che non ci sia!

Ora... esiste un limite serio percui iPhone debba essere considerato un prodotto scadente? Per esempio... la ricezione com'è? Il software è stabile o si riavvia ogni 2x3?

Marco ha detto...

@Francesco

Elencare anche i difetti (già noti) di un prodotto mi sembra un modo obiettivo di fare informazione in modo da scegliere oculatamente su cosa investire i propri risparmi.

Personalmente mi piace il design di Apple e la loro attenzione al software ed all'utente ma credo che alcuni dei difetti dell'Iphone siano gravi.

Ad esempio tra i tanti, l'impossibilità a sostituire la batteria in autonomia, la mancaza di slot di espansione di memoria e di un ricevitore GPS mi sembrano tre grossi limiti.

La batteria si può guastare (e si guastano) alcune persone possono farne un utilizzo più pesante e quindi avere necessità di sostituirla prima. Si parla di una durata di 300/400 ricariche se consideri che la durata della batteria con un utilizzo medio dell'Iphone dovrebbe essere inferiore alle 24 ore, si arriva alla necessità della sostituzione dopo circa un anno(!).

Resta comunque il fatto che l'Iphone introduce una serie di interessanti innovazioni.

Saluti.

Alberto ha detto...

Non avete considerato nella vostra lista di difetti le dimensioni del telefono stesso.
Non è spesso come i normali telefonini ma è largo BEN 6.5 cm e alto BEN 11.5 cm... mi viene il freddo ad immaginarlo (e in questa stagione il freddo è ben venuto)... ma non lo prenderò mai.

Un appuntino sul commento più su. L'N95 è un ottimo cellulare, il GPS non è nemmeno malaccio se sai che software installare e come configurarlo. Il punto è la durata della batteria. L'N95 "suda" parecchio.

Alberto ha detto...

Eppure... forse... chissà...

http://punto-informatico.it/p.aspx?id=2030220

Gabriele ha detto...

Dal Corriere Economia:

Si chiama N95 ed è il supertelefonino della finlandese Nokia, la regina mondiale dei cellulari con 900 milioni di «cornette senza filo» vendute nel mondo. È un dispositivo che, dietro dimensioni tascabili (meno di 10 centimetri di altezza per 5 di larghezza e 2 di spessore), racchiude tutto ciò che con un telefonino si potrebbe fare, oltre a telefonare, naturalmente. L’N95 è un camaleonte capace di trasformarsi in un lettore Mp3, in una radio Fm, in un lettore video, in un navigatore satellitare.

E ancora, può diventare una fotocamera ad alta risoluzione (5 megapixel, il top di gamma), oppure un sistema per collegarsi continuamente a qualunque rete. Perché, oltre che con il sistema Umts (ormai quasi uno standard, nei telefonini di nuova generazione) SuperNokia funziona con Hsdpa: che è il nuovo sistema per collegamenti con la rete telefonica a banda larga. Se poi, nei dintorni, c’è un segnale Wi-Fi, che consente ai computer di collegarsi a Internet senza cavi e ad altissima velocità, si può decidere anche di navigare, e magari di telefonare via Rete.

Insomma, questo N95 è un «all-in-one» («tutto in uno») completo che più completo non si può, un ufficio mobile, uno straordinario condensato di tecnologia, una pacchia per i forzati della tecnologia. E dunque è il più indicato avversario di iPhone.

Soprattutto perché, a differenza dei cloni del gioiello Apple che, proprio in questi giorni, stanno spuntando come funghi, il Nokia è qualcosa di diverso. È altro, ha una filosofia opposta, è l'antitesi. Se l’iPhone ha il display multi-touch, ovvero sensibile al duplice tocco (con due dita che corrono sullo schermo si può scorrere un testo o ingrandire un’immagine), il Nokia è rigorosamente a tastiera, con comandi, a volte un po’ scomodi, che si impartiscono senza esagerate trovate tecniche e allo stesso tempo con disarmante semplicità. È più tradizionalista, dunque, ma allo stesso tempo più completo, perché il rivale non avrà neppure l’Umts, satellite e diavolerie varie e l’N95, invece, ha la sublime completezza della multimedialità.

Come tutti i sistemi complessi , però, anche l’N95 ha i suoi difetti. Il più noioso è l’autonomia, assai scarsa, della batteria. L’insostenibile pesantezza delle varie applicazioni e dei vari sistemi di connessione, infatti, stressano le piccole batterie, che durante la giornata devono essere quasi sempre ricaricate: salvo non si decida di eliminare, temporaneamente, qualche opzione.
La dotazione dei programmi da ufficio per usare il cellulare come un telefonino è buona, ma non esaltante. Il piccolo elaboratore di testi compatibile con Microsoft Word, per esempio, è scarno e non ha il correttore ortografico (che ha, invece, la versione per Windows Mobile), utile quando tastiera e display sono tascabili; e lo schermo, seppure di eccellenti luminosità e contrasto, è un po’ piccolo. Lo stesso vale per la tastiera a scorrimento che, a volte, trae in inganno e fa premere i tasti sbagliati.

Francesco ha detto...

3-400 cicli di ricarica di vita? E cos'è? Una Ni-Cd pure usata male? Credo che il numero di cicli di ricarica di una batteria moderna sia almeno 10 volte tanto.
Io comunque semplicemente precisavo che alcuni che sono considerati difetti in assoluto mi sembrano invece più dei punti di vista relativi...

Senza contare che l'autonomia sulla carta mi sembra ne più ne meno che quella dei comuni smartphone ai quali siamo abituati... anzi, probabilmente di più visto che Apple dichiara 8 ore in conversazione.

danilo ha detto...

@francesco: credi male, una batteria al litio segue lo standard dei 500 cicli di carica/scarica.

Il fatto è che l'iPhone è un'accozzaglia di difetti spacciata per avanguardia tecnologica.
Partendo dal blocco SIM non bypassabile, passando per l'assenza dell'UMTS, di Java e Flash, di un client VoIP, niente instant messaging, nessuna videocamera, nessun flash per la fotocamera, bluetooth inutilizzabile per lo scambio file, così come la wifi.

Si compra con tariffa dati flat ma un modem a 56k è più veloce.

Usa solo formati proprietari e tutto il resto è totalmente blindato.

Insomma, è meno multimediale di un Nokia 6630.

A parte l'interfaccia utente siamo anni indietro, la metà dei PDA in commercio attualmente è più smart, più libera e meno cara di questo aggeggio.

E un bel design si trova anche altrove.

Non fatevi infinocchiare dal bambardamento mediatico, questo aggeggio è tecnologicamente datato a fronte di costi fuori dal mondo.

Inflazionato, sopravvalutato, inconsistente, blindato.

Compratelo se vi pare, ma compratelo consapevoli.